V-atanasio

Valeriana

Valeriana officinalis, L. TAV. 2 – N. 9

DESCRIZIONE: Rizoma troncato; fusto eretto semplice solcato (100-150 cm.) foglie tutte pennatosette con 7-10 coppie di segmenti lanceolati inciso dentati o interi a nervature sporgenti; fiori bianchi o rosei ermafroditi in corimbo tricotomo; bratteole-lineari.

H: comune nei boschi umidi e lungo i corsi d’acqua dalla pianura alla zona alpina.

P: la radice.

R: nel secondo anno.

F: Valerianacee.

La Valeriana s’impiega contro il tifo, nelle febbri perniciose e intermittenti, nelle malattie nervose, nell’epilessia e nell’emicrania. Giova pure nei disturbi della matrice, nell’asma, nei crampi al basso ventre, e nell’epilessia verminosa dei bambini. Dose: infuso di 15 gr. in un litro di acqua. Si prende a sorsi ogni due ore, con zucchero o miele. L’odore di questa pianta attira i gatti. Da qui il nome «Erba de gat».

Veratro

Veratrum album, L.

NOMI DIALETTALI: Falagro, Filagro, Valestri, Malon, Foastro, Golostri, Lovena.

DESCRIZIONE: Foglie ellittiche larghe, le superiori gradatamente più strette, fino a ridursi lanceolate, un po’ pubescenti di sotto; fiori bianco-verdognoli in pannocchia terminale; tepali più lunghi del peduncolo, bianchicci di sopra, verdi di sotto.

H: nei prati montani e subalpini.

P: il rizoma.

F: Colchicacee.

E pianta velenosissima, simile nella forma alla Genziana: quindi, attenti nella raccolta! Per uso esterno si usa la polvere del rizoma contro le

ulceri infiammate, e come unguento contro la rogna e i pidocchi. Per uso interno i medici la prescrivono contro il colera, le febbri intermittenti, nella debolezza generale e nella tosse convulsiva.

Verbasco

Verbascum thapsiforme, Schr. TAV. 7 – N. 50

H: dove cresce il Tasso barbasso e ha le stesse proprietà. Vedi: Tasso barbasso.

Verbena

Verbena officinalis, L.

NOMI DIALETTALI: Erbena, Erba de la represa.

DESCRIZIONE: Fusto tetragono ramoso in alto (20-60 cm.); foglie ovato bislunghe, pennatifide, le medie tripartite a segmenti incisi e inegualmente crenulati; fiori piccoli di colore violaceo pallidi a spighe gracili terminali formanti una pannocchia.

H: luoghi aridi, incolti, vicino alle abitazioni.

P: le foglie e sommità fiorite.

F: Verbenacee.

La pianta, cotta nel vino, giova nei mali di fegato, di reni e di milza. Contro le nevralgie, dolori reumatici e nelle febbri, si fa 1’infusione di 2 gr. di foglie in una tazza di acqua bollente. Bollita nell’aceto, si adopera come cataplasma sui punti doloranti nelle nevralgie, sciatiche, lombaggini, pleurite e dolori intercostali. La pianta, messa in infusione nel vino, serve contro l’itterizia e clorosi, prendendone 60-80 gr. la mattina a digiuno; il decotto usato come gargarismo guarisce le ulceri delle tonsilli, e le foglie fresche pestate unite a farina di segala e bianco d’uovo danno un cataplasma molto risolvente. E’ usata anche contro la renella e come tonica.

Verga d’oro

Solidago virga aurea, L. TAV. 5 – N. 37

DESCRIZIONE: Fusto eretto, striato, un po’ flessuoso (20-60 cm.); foglie ruvide negli orli, lanceolate od ovato acuminate, le inferiori seghettate; capolini in racemo terminale composto, piccoletti, fiori gialli; achenii giallastri, pelosi.

H: comune nei boschi freschi della zona montana e subalpina.

P: sommità fiorite.

F: Composte.

L’erba «Consolidae saracenae» e raccomandata contro le ferite e il mal della pietra. Si fa la decozione di 80 gr. di sommità fiorite in un litro d’acqua. Giova nella raucedine e nel mal di denti, quale gargarismo, nella difficoltà d’orinazione, nelle infiammazioni della vescica e dei reni. La pianta, cotta nel vino bianco, promuove assai 1’orinazione, rompe e scaccia i calcoli. Giova in tutte le piaghe interne ed esterne. Nell’insonnia si fa 1’infuso di 4 parti di Verga d’oro e una parte di ginepro schiacciate o di biondinella. Dose: 50-60 gr. in un litro d’acqua. Una tazza prima di coricarsi. Giova pure nell’enterocolite e nell’enterite dei bambini. Decotto 30 per mille.

Vilucchio bianco (Convolvolo)

Conoolvulus sepium, L TAV. l 2 – N. 89

DESCRIZIONE: Fusto angoloso, volubile, lunghissimo; foglie saettiformi o astate, a orecchiette troncate; peduncoli ascellari uniflori; brattee cuoriformi ovate; corolla bianca, grande.

H: nelle siepi, entro i cespugli freschi, fino alla zona montana.

P: foglie e radici.

F: Convolvulacee.

La radice e le foglie di questa pianta sono fortemente purgative e calagoghe (atte a espellere la bile), come quella della gialappa, ma meno irritanti 1’intestino, pur conser

vando 1’attività purgativa e colagoga. Si prescrive 1’infuso delle foglie (6-12 grammi al giorno) o il succo della radice, da 1-2 gr. al giorno.

Vincetossico

Cynanchum zincetossicum, Pers.

DESCRIZIONE: Foglie ovate o bislungo acuminate; fiori bianchi; lacinie ovate; corolla staminale a lobi ovato- rotondati, distanti, ma riuniti da membrana trasparente.

H: comune nei boschi e nelle macchie della zona montana.

P: il rizoma.

F: Asclepiadacee.

Il rizoma di questa pianta ha proprietà purgative, sudorifere, diuretiche, e si adopera nell’idropisia, nella mancanza o irregolarità dei mestrui, nelle scrofole, nelle febbri nervose, nelle eruzioni cutanee, specialmente nell’eruzione ritardata dal vaiolo. Si somministra la decozione di 15 gr. di rizoma, in un litro d’acqua.

Viola del pensiero

Viola tricolor, L.

NOMI DIALETTALI: Crecheni, Madrigne, Velludine, Galeti. Pianta da tutti conosciuta e comune.

P: la pianta.

F: Violacee.

L’«Herba Jaceae» è depurativa e cicatrizzante. E’ eccitante 1’intestino, i reni, esercita un benefico influsso nelle eruzioni cutanee, ed è depurativa del sangue. Le croste lattee dei bambini si curano con fiori e foglie pestate e mescolate col latte in modo di cataplasma. Quale depurativo e nelle malattie indicate si usa 1’infuso di 20 gr. in un litro d’acqua.

Viola mammola

Viola odorata, L. TAV. l 1 – N. 79

H: coltivata e nelle posizioni calde e riparate della collina.

P: i fiori e le radici.

F: Violacee.

La viola mammola ha proprietà pettorali, espettoranti, emollienti, sudorifere, emetiche e purgative. Il Kneipp prescrive una manata di fiori e foglie in infuso in mezzo litro d’acqua, contro la tosse e i catarri di gola. Ai bambini se ne danno due cucchiai ogni due ore; agli adulti, tre tazze al giorno. Come vomitizo si prescrive la decozione da 15 a 20 gr. in 300 di acqua, lasciando bollire, finchè il liquido è ridotto a metà.

Viorna

(Vitalba)

Clematis oitalba, L. TAV. 8 – N. 61

NOMI DIALETTALI: Veduzze, Vigazzoni, Vedicone, Viece, Vedice, Vidoloc, Guidoi, Videzze, Roghe.

DESCRIZIONE: Fusto scandente, angoloso; foglie pennate a foglioline cuoriformi dentate o intere; fiori in pannocchie rade ascellari o terminali; tepali 4 bislunghi, bianchi, vellutati sulle due facce; antere lunghe un terzo del filamento; ricettacolo vellutato.

H: lungo le siepi e nei boschi cedui.

P: foglie e corteccia interna.

F: Rancuncolacee.

Tutte le parti della viorna sono acri e contengono principi venefici. Foglie e corteccia interna vengono adoperate come cataplasmi energicamente vescicatori. Per aso interno, quale purgativo e diuretico, sono da sconsigliarsi. Come vescicatorio serve benissimo contro la sciatica.

Vischio

Viscum album, L.

NOMI DIALETTALI: Viscio, Finocio de pin, Mezchel, Malvist, Martel de pin, Brocola.

DESCRIZIONE: Fusto ramoso, dicotomo, articolato, (20-50 cm.); foglie coriacee, opposte, bislungo-lanceolate, ottuse con 3-5 nervi; fiori gialli in capolini terminali o ascellari; bacca sferica, bianca.

H: parassita dei pini, raramente dell’abete.

P: le foglie e i rami sottili.

F: Viscacee.

Il vischio giova contro 1’epilessia, 1’arteriosclerosi, l’emottisi, nel mondo di Bright, nei disturbi della menopausa e nelle malattie nervose dei bambini. Si fa il decotto di 70 gr. in un litro d’acqua, bollendo fortemente. Si beve a tazze. Il vischio che si estrae dalle bacche unito a uguali quantità di ragia e cera vergine serve a maturare tumori, ulceri, posteme. Il decotto si usa con buon effetto sui geloni e screpolature alle mani.