T-atanasio

Tanaceto

Tanacetum vulgare, L.

NOMI DIALETTALI: Antaneza, Erba da om, Antaneda, Starnela, Daneda, Seme santo.

DESCRIZIONE: Fusto eretto, solcato, semplice (80-120 cm.); foglie grandi pennato partite a segmenti lineari lanceolati pennatofessi con lobetti acuti seghettati; capolini gialli grandetti a corimbo composto teminale.

H: luoghi incolti, ai margini dei campi e delle strade.

P: le foglie e i fiori.

F: Composte.

L’infuso dei fiori (capolini), in dose di 10-20 gr. in 250 d’acqua, serve per calmare i crampi, giova nell’artrite e nelle febbri intermittenti, nei disturbi orinari, nella pietra, nei mali di vescica e contro i vermi, specialmente nei bambini. La pianta in decozione applicata, serve contro la rogna e la tigna. Serve pure a rinforzare i nervi e a provocare il sudore. Si faccia attenzione, pero, perche il Tanaceto è pianta velenosa e, ad alte dosi, e anche pericolosa; e può causare la morte per asfissia.

Tasso barbasso

Verbascum Thapsus, L.

NOMI DIALETTALI i: Fiori d’orco, Tabac mat, Gestivo, Capelace, Ciandeloni, Perbasco.

DESCRIZIONE: Fusto rigido, eretto (60-100 cm.); foglie scorrenti per tutta la lunghezza dell’internodo, bislungo-ellittiche; fauce della corolla concava; antere degli stami più lunghi, 4 più corte del filamento.

H: nei ruderi, luoghi incolti, lungo le strade.

P: i fiori seccati al sole e le foglie.

F: Scrofulariacee.

Le foglie e i fiori danno un the sudorifero, emolliente, cicatrizzante, indicatissimo nei catarri di petto, nella tosse, nella mancanza di respiro, nella raucedine. Si usa il thè in infusione di 5 gr. di fiori secchi in un litro d’acqua. Per lavare piaghe, ulceri, ferite si usa la decozione delle foglie nella dose di 30 gr. in un litro d’acqua. Contro le emorroidi è ottimo rimedio il seguente: con una parte di fiori e due di olio si cuoce adagino la massa fino all’evaporazione della parte umida; indi si spreme il succo. E’ rimedio indicato anche contro i geloni.

The svizzero

Veronica officinalis, L. TAV. 3 – N. 24

DESCRIZIONE: Fusto prostrato e radicante (10-30 cm.); foglie ovali ellittiche seghettate e picciolate; peduncoli più brevi del calice; calice quadripartito con lacinie uguali; cassula triangolare, vellutata, glandolare.

H: nelle macchie asciutte delle conifere, lungo le strade di monte della zona montana e subalpina.

P: la pianta intera.

R: al tempo della fioritura.

F: Scrofulariacee.

La pianta ha proprietà astringenti, toniche e digestive. Si usa la decozione di 15-20 gr. in un litro d’acqua. Questo decotto è indicato nei catarri polmonari, nei mali

di petto, nella raucedine, nello sputo di sangue, nella tosse e nelle malattie croniche della pelle. Per i medesimi mali, si usa il succo diluito nel latte, preso a digiuno. Analoghe proprietà ha pure la Veronica Maggiore Veronica Chamaedris, L.

Tiglio

Tilia parvi et grandifolia, Ehr.

NOMI DIALETTALI: Tear, Teer, Taier, Taiaro, Teia, Tea, Tiar, Teo, Tegero, Toi.

DESCRIZIONE: Fogli obliquamente cuoriformi-rotonde, glabre, glauche di sotto; peduncoli con brattee scorrenti, terminanti in 4-9 fiori; stami appena più lunghi della corolla; cassula quasi globosa ovata, appena costata o senza coste (Tilia parvifolia).

H: nei boschi cedui della zona collina subalpina.

P: i fiori.

F: Tigliacee.

I fiori di tiglio hanno proprietà antispasmodiche, sudorifere, stomachiche, emollienti. Si usa 1’infuso di 15 gr. di fiori in un litro di acqua. Giova nelle affezioni catarrali, seda i crampi, calma il nervoso, facilita la digestione, produce sudore, ed è pure indicato nei reumatismi, nel capogiro, nell’epilessia. I frutti pestati, uniti ad aceto, o acqua di piantaggine, giovano nelle emorragie nasali ostinate, nel mal d’orecchi, versandovi alcune gocce a caldo, e tappate con ovatta; nelle screpolature, ascessi e ustioni. La decozione delle foglie serve nell’orinazione difficile e dolorosa. Col succo che si ricava dal tronco, praticando dei fori, in primavera, si ottiene un liquore purgativo, usato anche nel mal della pietra e nelle macchie gialle della faccia. La polvere di carbone di tiglio serve per 1’inappetenza, nella difficile digestione, nella gonfiezza, nella costipazione, nelle febbri perniciose, nella dissenteria prodotta da ascessi intestinali, nel bruciacuore, alito cattivo e crampi gastrici.

Timo serpillo

Thymus serpyllum, L. TAV. l l – N. 78

NOMI DIALETTALI: Tim, Mazorana, Erba da la zopina.

DESCRIZIONE: Fusi prostrati e lungamente radicanti (10-20 cm.); foglie ovate o bislunghe cuneate o lineari, nervose, piccole, picciolate; fiori in glomeruli formanti un capolino ovoide; calice con tubo ristretto alla base.

H: nei luoghi erbosi, pascoli, ai margini delle strade.

P: la pianta.

F: Labiate.

Questa pianticella apparentemente insignificante, ha proprietà digestive, antisettiche, antispasmodiche, sudorifere, emmenagoghe. Si usa il the di 2-3 gr. in una tazza d’acqua, nelle difficili digestioni, nelle mestruazioni con crampi, nei crampi, nel mal di testa, nei crampi al basso ventre e contro i catarri. Esternamente serve per impacchi, bagni, fasciature, nelle piaghe di qualsiasi natura, nelle fratture, slogature., distorsioni e tumori freddi.

Tormentilla

Potentilla tormentilla Neck., Schr. TAV. 3 – N. 18

DESCRIZIONE: Rizoma legnoso, grosso; fusti gracili prostrato-ascendenti, dicotomi (10-30 cm.); foglie ternate, le cauline sessili, e tre foglioline bislungo-cuneate seghettate; fiori tetrametri, gialli, con peduncoli più lunghi delle foglie sottili; carpelli lisci.

H: nei boschi erbosi e macchie umide, fino alla zona alpina.

P: le radici.

F: Rosacee.

Il «Rhizoma tormentillae» e officinale e ha proprietà astringenti, toniche, stimolanti. Si usa la polvere in infuso (2-4 gr.), o la decozione in dose di 15 gr. in un litro d’acqua, contro la diarrea, dissenteria, flussi sanguigni e mucosi, nelle febbri intermittenti, negli avvelenamenti,

nei vermi e nelle piaghe interne ed esterne. Negli avvelenamenti e nelle malattie contagiose non si dimentichi mai la tormentilla. La polvere, presa per alcuni giorni nell’uovo al latte, previene i parti immaturi. II rizoma nella quantità di 70 gr., messo a macera per 8 giorni in un litro di vino o marsala, si somministra ai tubercolotici e alle persone vecchie e deboli, affetti da diarrea. Si da a bicchierini in tutti i suaccennati preparati. Contiene il 17 % di tannino; quindi uno dei più potenti astringenti.

Tragoselino

Pimpinella magna et saxifraga, L. TAV. 2 – N. 15-16

DESCRIZIONE: Pimpinella magna, L. – Fusto eretto, foglioso, angoloso solcato cavo, ramoso in alto (10-100 cm.); foglie pennatosette, le inferiori con 5-7 segmenti ovali, lanceolati acuti, grossolanamente seghettati, le superiori più piccole, fiori bianchi o rosei in ombrelle con 9-15 raggi.

Pimpinella saxifraga, L. – Fusto eretto cilindrico leggermente striato, quasi nudo nei 3 quarti superiori (30-90 cm.); foglie inferiori pennatosette a segmenti quasi tondi od ovato ottusi seghettati, le medie e superiori (ottuse) con lembo piccolo pennatifido inciso; stili più corti del1’ovario; frutti quasi tondi (2 mm.).

H: nei prati e luoghi erbosi della zona montana.

P: la radice.

F: Ombrellifere.

La «Radix pimpinellae» dei farmacisti ha qualità toniche, digestive, emollienti, espettoranti e sudorifere. L’infuso della radice (15-25 gr. in 180 di acqua) si usa nella raucedine, nel catarro polmonare, nell’atonia degli organi digestivi e respiratori, nei disturbi orinari. Quale corroborante, all’acqua si può sostituire il vino. Quale gargarizzante contro la raucedine, ma di denti, mal di gola, rilassamento dell’ugola e rattrappimento della lingua, si usa il decotto in dose di 10-15 gr. in 180 d’acqua. L’estratto, in 10-20 gocce al giorno, è diuretico.

Trifoglio fibrino

Menyanthes trifoliata, L.

DESCRIZIONE: Foglie trifogliate a foglioline ovate, obovate o bislunghe, con lungo picciolo slargato in guaina alla base; fiori rosei in racemo terminale a lungo peduncolo.

H: nelle acque stagnanti, lungo i fossi, nelle torbiere.

P: le foglie e i gambi.

F: Genzianacee.

L’infuso, fatto con 50 gr. di foglie in un litro d’acqua, dà una bevanda assai giovevole contro le scrofole, clorosi, itterizia, idropisia, ipocondria, febbri e disturbi digestivi. Nelle febbri malariche, nello scorbuto, nelle laringiti delle clorotiche, si dà 1’estratto: 2-3 gr. al dì.