D-atanasio

Dente di leone

Leontodon Taraxaci, Tav 7 N°55

Nomi DIALETTALI: Denti de cagn, Dentinciagn, Zicoria, ecc.

DESCRIZIONE: Rizoma troncato; foglie tutte basali in rosetta, lanceolate dentate o pennatosette con lacinie strette intere; capolini grandetti gialli, terminali a steli radicanti, dilatati in alto; Foglie involucrali e sommità del peduncolo irsuti di peli; acheni più corti del pappo che è niveo.

H: comune nei prati, lungo le strade e luoghi erbosi fino alla zona alpina.

P: pianta e radici.

R: le radici in autunno.

F: Composte.

Le foglie e le radici sono buona insalata, anche se cotte come le Spinacce; i bottoni dei fiori, posti in aceto, sono succedanei ai capperi, come pure le radici tostate sono succedanee al caffè. Questa pianta ha quasi le identiche proprietà della Cicoria selvatica. Come depurativa si può fare la cura primaverile per 3-4 settimane con dieta ragionevole, moto e aria. Vedi: Cicoria selvatica.

Digitale

Digitalis purpurea, L.

DESCRIZIONE: Fusto eretto (60-120 cm.); foglie tomentose, specialmente di sotto, crenulato-dentate; lobi del calice ovali ottusi; corolla rossa porporina, talora volgente al bianco, punteggiata.

H: da noi coltivata negli orti.

P: le foglie.

F: Scrofulariacee.

Quantunque pianta velenosa, essa possiede un’azione benefica regolatrice del cuore. Dovendo ritirare la droga dai farmacisti e dietro prescrizione medica, m’astengo dal dettare le dosi, per evitare gravi inconvenienti. Noto qui di passaggio che da noi si trova in buona quantità la specie consimile con fiori giallo-chiari, con foglie e fiori piu piccoli, la Digitalis lutea, L. Essa contiene poca digitalina e cresce nei boschi cedui dalla zona collina alla subalpina.

Dulcamara

Solanum dulcamara, L.

NOMI DIALETTALI: Zucamara, Amar e dolz, Dolciana, ecc.

DESCRIZIONE: Pianta inerme; fusto legnoso, sarmentoso, cilindrico (50-150 cm.); foglie cuoriformi-ovate, spesso con orecchiette alla base; fiori violetti in cime estrascellari; bacche piccole, ovate e rosse.

H: frequente nei luoghi umidi, fra i cespugli ombrosi, lungo i rivi.

P: la corteccia e i gambi giovani.

F: Solanacee.

La Dulcamara gode fin dall’antichita fama di depurativo, diuretico e sudorifero. Si usa 1’infnso di 20 gr. in 1 litro di acqua bollente nei catarri polmonari cronici, nei dolori reumatici, nella sifilide e nelle malattie della pelle. Nei foruncoli, nei tumori, nei reumatismi e nell’eczema si bolliscono insieme 4 manate di foglie e sommità fiorite, 125 gr. di farina di lino, 200 gr. di sugna e 1000 gr. di vino rosso. La bollitura si protrae sino a consistenza e si applica sulla parte malata.