Sorgente '90
dove le idee diventano realtà

Foto del giorno

cenaforum IL PASSAGGIO DELLA LINEA 006.jpg

Presentazione stagione 2016 2017

“Il campo della terra è molto fecondo ma talvolta gli strumenti per farlo fruttificare ci sembrano inesistenti. Il nostro vuole essere un modesto contributo per dare a tutti i giovani la possibilità di sentirsi responsabili della crescita di un mondo nel quale la solidarietà non sia più considerata utopia”

Padre Fabrizio Forti, frate cappuccino

Questa sorta di manifesto concludeva la presentazione della nostra associazione nel primo libretto del volontariato in Valle di Cembra negli anni novanta. A noi pare ancora di sentirla pronunciare da lui ed a pensarci bene è tuttora di un’attualità e di una freschezza quasi disarmante confrontata con i valori che cerchiamo con coraggio di portare avanti. Il seme è germogliato e ha dato buoni frutti. Scrivere l’introduzione alla nostra stagione di quest’anno non è così semplice come le altre volte. Adesso manca uno di noi, o meglio manca il primo di noi, il nostro Padre Fabrizio. Molti di noi hanno percorso con lui una parte del cammino non solo nella fondazione della nostra associazione ma una parte di vita nella quale hanno condiviso con lui le gioie ma anche le difficoltà, i pensieri e le tristezze. Formidabili quegli anni! Altri di noi lo hanno conosciuto solo di sfuggita, in quelle rare occasioni in cui si sottraeva al suo impegno costante a favore dei poveri o dei carcerati. Eppure lui c’era sempre assieme a padre Antonino con i suoi messaggi e i valori che ci hanno trasmesso. A noi quindi il compito di andare avanti, di ricordarlo e di continuare sul cammino tracciato senza dimenticare che si possono trovare soluzioni, si possono tentare deviazioni dal percorso comune senza mai perdere la strada maestra. Lo ricordiamo così com’era, con due parole che identificano il suo carattere umile e allo stesso tempo imponente: semplicemente un grande. Quindi con il cuore intristito ma con lo spirito non certo rassegnato cercheremo di fare ancora di più per non far mancare momenti di riflessione sulle problematiche del mondo, della nostra vita e della fede, percorrendo quel solco già tracciato nelle precedenti edizioni ma con qualche stuzzichino in più che non mancherà di stupirvi, divertirvi, coinvolgervi e soprattutto farvi diventare protagonisti attenti ed attivi. Non faremo mancare nemmeno qualche serata di sana allegria e di gradevole convivialità, sempre con lo spirito che ci anima, ponendo l’attenzione su tematiche che una società sempre più convulsa e complessa genera in continuazione. Vi aspettiamo quindi al Molin per una stagione ricchissima di appuntamenti concludendo con un estratto della lettera che Padre Fabrizio, in occasione del suo trasferimento dalla fraternità di Piazzo al convento di Trento, scrisse nel 1998 alla Stella Bianca, Associazione fondatrice di Sorgente 90 assieme ad AVIS e Valle Aperta.

“Essere dono: quante volte verrebbe voglia di piantare tutto perché l’impegno e la costanza costano! E se il sole si stancasse di splendere, i fiori di sbocciare, la vita di nascere, e tu ti stancassi di essere dono? Saresti proprio come un cristallo di sale, che conoscendo la sua realizzazione nell’insaporire, scegliesse eternamente di rimanere un minerale da soprammobile. Essere dono significa diventare amore visibile, e questo dà un senso alla tua vita, la affatica ma la allieta.”

Abbracci fraterni

Sorgente 90

I nostri sponsor

Prenotazioni e Appuntamenti